NICOLA BERTOGLIO

Boy/Toy: Identità e Crisi”

a cura di Erika Lacava

 

 

 

27 Maggio – 10 Giugno 2017

Inaugurazione Sabato 27 Maggio, ore 18.00

Presentazione della graphic novel “Boy/Toyˉ1” ore 18.30

@rtwork, Performance dell’artista: ore 19.00

 

Durante l’inaugurazione verrà presentata la graphic novel tratta dalle opere dell’artista,

Boy/Toyˉ1

Disegni di: Fabiano Caputo

Testi di: Franco Calò, Maria Avini, Luca Calò, Marcello Calò, Fabiano Caputo

 

Giorni e ora di apertura:

martedì, mercoledì, venerdì, sabato: ore 16.00-19.00

giovedì: ore 20.00-22.00, con la presenza dell’artista

 

 

_________________________________________

 

 

Tecnologia digitale, robotica, replicanti, identità e crisi.

L’arte di Nicola Bertoglio (Cremona, 1974), poeta d’immagini e fotografo di versi, fa tutt’uno con il suo mezzo espressivo d’elezione, l’iPhone.

 

Come un moderno McLuhan, Bertoglio fa del suo strumento l’estensione del proprio corpo e ne porta alla coscienza le sue logiche deduzioni. Uomo-macchina senziente che scandaglia la propria nudità, uomo-oggetto performante che deve adattarsi, plug&play, in modo veloce e funzionale al mondo circostante, Boy/Toy prende atto della propria fragilità psichica ed emotiva, e si mostra nell'equilibrio precario in cui la sua stessa capacità di resilienza lo ha costretto, nel turbinio incosciente della società contemporanea.

 

 

Nell’epoca in cui al Parlamento Europeo viene discussa la proposta di attribuire identità elettronica agli automi, rimettendo in discussione i concetti di personalità, individualità e libero arbitrio, Nicola Bertoglio recupera, dal bagaglio emozionale e mnestico della sua infanzia, la maschera protettiva, imperturbabile e asettica dei robot con un sguardo lucidamente interrogativo e rappacificante per la reciproca convivenza, e attribuisce loro un punto fermo dietro al quale nascondersi, riconoscersi e ritrovarsi.

 

Non a caso l’identità umana e il concetto di crisi vengono indagati da Bertoglio attraverso domande poste sia ai modelli delle sue fotografie, sia a Siri, l’assistente digitale dei dispositivi iPhone. La definizione dizionaristica e digitale del termine “crisi” viene così posta accanto, sullo stesso livello a-giudicante, alle risposte dei soggetti reali interrogati sul motivo della loro “identità di crisi”. Ne deriva un quadro senza verità, di molte domande e molte risposte diverse in una attualissima sospensione “tecnologica” del giudizio di husserliana memoria.

 

Completano il programma espositivo la performance @rtwork di Nicola Bertoglio, in cui soggetto e oggetto fotografico vengono mescolati fino all’annullamento del confine identitario, e la presentazione in anteprima del fumetto “Boy/Toyˉ1”, con disegni di Fabiano Caputo ispirati dalle opere di Bertoglio.

__________________________________________________________________________________________

 

NICOLA BERTOGLIO, 1974, Cremona

 

L'infanzia e l'adolescenza, trascorse a Pieve D’Olmi (CR) sono state scandite dai ritmi lenti e semplici della campagna della bassa pianura padana. È in questo periodo che ha iniziato la sua esperienza artistica come poeta partecipando ad alcuni concorsi sia a livello locale che nazionale. Trasferitosi poi a Milano come consulente informatico per le banche, inizia la sperimentazione con la fotografia da smartphone (“iphoneografia”), maturata lentamente nel corso di viaggi ed esperienze in giro per l'Italia e l'Europa.

Sempre cercando di rimanere all’interno dei confini rigidi ed estetici del mezzo smartphone, Nicola Bertoglio è riuscito a trovare la giusta dimensione per raccontare se stesso e la sua visione del mondo.

 

MOSTRE PERSONALI

 

2017

Capendo Adamo”, Casa Stradivari, Cremona

 

2016

"Boy/Toy", a cura di Laura Ghirlandetti, Circuiti dinamici, Milano

"La s/vestizione”, Consiglio di zona 7, Milano

"Capendo Adamo", Zoia Gallery & Lab, Milano

Decostruzioni -:- vol. 1”, Musee du Croco, Milano

 

2013

Riflessi paralleli”, Orygma Ancient Shed, Milano

Interni di viaggio: Venezia”, Corte 105, Bergamo

 

MOSTRE COLLETTIVE

 

2016

Scomparti” Fiera di arte contemporanea presso Lariofiere ad Erba (CO)

Percorso “arte e natura”, Legnano

"La voce del corpo 2016", Osnago (LC)

Mostra d'arte contemporanea, Palazzo della permanente, Milano

Vernissage di inaugurazione della nuova sede di Mimade, Milano

 

2015

"iPhoneographers expo” presso la Plaumann Art Gallery, Milano

Mostra sull’incompiuto di fotografia, arti figurative, installazione, design, scrittura, musica, video e altro, Lanciano

La collezione interlocutoria”, Ospizio giovani artisti, Roma

Mostra collettiva di fotografia artistica mediante smartphone, Accorsiarte, Torino

Presentazione opera “contro natura” al Musa - Museo storico ambientale di san giorno di Pesaro

Art Rooms 2015, Melia White House Hotel, Londra

 

2014

Collettiva di arte contemporanea, Accorsi arte, Torino

Down the rabbit hole”, Factory, Cormano

Astazero”, Spazio Tadini, Milano

Opera site specific realizzata per lo Spazio Alda Merini, Milano

In contemporanea”, Fondazione G. Lazzareschi, Porcari (LU)

Milanoiphoneographers”, Combines XL, Milano

Ioespongo XVII”, Spazio Azimut, Torino

The why of art 2014”, Stecca 3.0, Milano

Psiche e Valentino – mente e anima”, Accorsi arte

 

2013

Fragments”, Amy-d arte Spazio, Milano

Arte Piacenza”, Piacenza expo

Polyrhythm”, Orygma Ancient Shed, Milano

Intuizione”, Accorsiarte, Torino

Musae Trentino”, Spazio Klien, Borgo Valsugana (TN)

Sottosuolo”, Orygma Ancient Shed, Milano

Seles s’è desta – III edizione”, Celle di Macra (CN)

Giardini d’opera – Biennale di Venezia 2013”, Accorsiarte, Venezia

Inaugurazione del nuovo spazio espositivo di Accorsiarte, “Corte 105”, Bergamo

Expoart presenta “Fantasya” II edizione, Palazzo dei Priori, Colle Val d’Elsa

Frantumemoriae”, Accademia dei Partenopei, Napoli

Arteverarte”, Yr Studio Arte contemporanea, Roma

Elementi ad arte: il fuoco”

Autocoscienza”, rassegna di pittura, scultura, fotografia e videoarte

Rebirth”, Studio Raffaello Giolli Arte Contemporanea, Milano

I colori dell’anima”, Accorsiarte, Torino

Naturalmente impresionante”, Sinergy Art Studio, Roma

Artefiera Genova, Accorsiarte

Elementi di luce – la purezza”, Synergy Art Studio, Roma

Strumento-spazio-mente”, Studio Raffaello Giolli Arte Contemporanea, Milano

Dinamica”, Accorsiarte, Torino

 

FIERE

 

2017

Affordable Art Fair, Zoia Gallery, Milano

 

PERFORMANCE

 

2017

@rtwork, Affordable Art Fair, Milano

 

2015

Presentazione del progetto @rtwork alla Casa Stradivari, Cremona, con concerto di violoncello

@rtwork, con Rita Tekeyan, Cormano

 

PERMANENZA NEI MUSEI E NELLE ISTITUZIONI

 

A pelo d’acqua”, Comune di Osnago (LC), 2016

Auschwitz” alla Associazione Aned, Casa della memoria, Milano, 2016

Nessundove”, Comune di Pieve d’Olmi, 2015

Contro Natura”, MuSa, Museo Archeologico Ambientale di San Giorgio di Pesaro

 


Il fumetto “BOY/TOY -1” è nato dalla volontà di Nicola Bertoglio di andare oltre il progetto artistico in sé per fare in modo che il personaggio con la maschera di robot da lui concepito avesse una vita propria indipendente dalla stessa idea dell'artista. Grazie ad un team creativo di 5 persone, tra cui il giovane illustratore Fabiano Caputo, sono state scritte 7 storie diverse tra loro per trama, ambientazione e tratto dove il personaggio creato da Nicola Bertoglio vive storie surreali, tenere e drammatiche in un strano futuro distopico fatto di commerci inumani, disastri ambientali apocalittici, incubi urbani e inquietanti intelligenze artificiali.

 

FABIANO CAPUTO, 1993, Busto Arsizio

 

Dopo aver frequentato il corso di grafica al Liceo Artistico Paolo Candiani di Busto Arsizio, città in cui è nato ed attualmente vive, Fabiano Caputo frequenta il triennio della Scuola del Fumetto di Milano dal 2013 al 2016. Ha collaborato al progetto “Be a Superhero 2016” presentato a Lucca Comics per “Think Comics. “BOY/TOY -1” è il primo fumetto interamente disegnato da lui.


17 Dicembre 2016 - 14 Gennaio 2017  |  Small is Beautiful